Didattica della storia. Uno sguardo dall’area francofona

Charles Heimberg

Abstract


La didattica della storia nell’area francofona europea è cresciuta e si è diversificata, ma rimane ancora fragile e incompleta nella sua struttura. Tra coloro che l'hanno fatta emergere, Suzanne Citron ha sottolineato il suo confinamento nazionale prima che Henri Moniot le desse la sua legittimità evidenziando le differenze e le interazioni tra la storia e la sua versione scolastica. A completamento di una nota di sintesi 2008 di Nicole Allieu-Mary e Nicole Lautier, i vivaci dibattiti nello spazio pubblico sul passato, la sua trasmissione e la sua memoria hanno segnato l'evoluzione di questa didattica, così come il concetto di “sapore della conoscenza” (Jean-Pierre Astolfi) derivata dalla sua natura elementare e mobilitando un vero pensiero storico. Le produzioni della didattica della storia sono ricche e diverse, ma le tesi di dottorato che difficilmente portano a posizioni stabili nel mondo accademico. C'è quindi un divario tra questa realtà e l'ampiezza delle sfide che questa didattica deve affrontare nel mondo di oggi.

Parole chiave


Didattica della storia; Pensiero storico; Elementi fondanti dei saperi; Ricerca e insegnamento; Uso pubblico della storia

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2704-8217/11039

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2020 Charles Heimberg

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.