La didattica della storia nella Repubblica federale tedesca

Marialuisa Lucia Sergio

Abstract


Da molto tempo la storiografia tedesca s’interroga sulla centralità della «Geschichtsbewusstsein» (coscienza/consapevolezza storica) nell’ambito della didattica della storia. Il concetto, proposto per la prima volta nel corso degli anni ‘70 da una nuova generazione di storici (Rüsen, Pandel, von Borries e altri), delinea la didattica storica come un «campo di lavoro» aperto a una molteplicità di attori (ricerca e insegnamento accademici, formazione scolastica, apprendimento extracurricolare, Public history), in un'ottica di trasferimento sociale del pensiero critico storiografico e di promozione di percorsi individuali di coscienza e di responsabilizzazione civile. Il presente contributo ricostruisce la dimensione epistemologica e la concreta efficacia applicativa di tale concetto, che consente di riflettere sull'importanza della didattica della storia nel contesto di complessi processi culturali ed educativi, fondamentali per l’assimilazione dei valori democratici.

Parole chiave


Coscienza storica; Germania contemporanea; memoria; Public History

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2704-8217/10755

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2020 Marialuisa Lucia Sergio

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.